Orti Insorti

MARTEDÌ 19 APRILE 2016
Compagnia Elena Guerrini

di e con Elena Guerrini
Durata 1h

“Orti Insorti è nato da una ricerca sui ricordi del mi’ nonno che era mezzadro”. E. G.
Un viaggio con Elena Guerrini per riappropriarsi della memoria, legata alla civiltà contadina, di cui nonno Pompilio ha fatto parte per tutta la vita.
Foto vecchie, storie, sogni, visioni, ricordi, finzioni, fantasie, memorie, barzellette, canzoni degli anni 70, bestemmie, racconti e personaggi di paese, alcune cose sono successe davvero, altre succederanno… Si sorride...
Si riflette sul mondo contadino, sulle multinazionali, che tramite il commercio dei semi governano il mondo.
Si viaggia all’interno di un mondo contadino profondamente cambiato nel corso degli anni, un mondo che oggi ci presenta nani da giardino,strade bianche e agriturismi dove prima si allevavano gli animali. Un viaggio affascinante, dalla Maremma a Pasolini, passando per Vandana Shiva, Fukuoka, Libereso Guglielmi, che era il giardiniere di Calvino.
Piante e parole.
Quando e come è meglio seminare il basilico?
Aveva ragione il nonno, o il manuale “L’orto perfetto in 7 giorni”, o la Ines, che dice che la luna deve essere sempre calante e i semi coperti, o le formiche che dei semi di basilico han fatto il loro cibo?
Un piacevole momento per riannodare il legame spezzato con la natura, riflettere su come rispettare l’ambiente, inquinare un po’ meno e coltivare ciò che mangiamo... una moderna riflessione sul concetto di progresso e sviluppo.